produzione

BEBA dispone di una moderna linea di produzione che, abbinata all’attenta ricerca di materie prime di qualità superiore (malto di orzo distico, luppoli selezionati, lieviti stabiliti, acqua pura) e a un processo calibrato, consente di produrre eccellenti birre a bassa e alta fermentazione e lunga maturazione. Birre giustamente alcoliche ed equilibrate, con schiuma compatta, gusto gradevolmente amarognolo e retrogusto pulito. Non solo dissetanti e rinfrescanti, ma anche salutari ed energetiche in quanto ricche di vitamine (B1, B5, B6, H), proteine, carboidrati, sali minerali e oligoelementi contenuti nel lievito.

 

GLI INGREDIENTI

IL CICLO DI LAVORAZIONE

ACQUA: pura, di montagna dalle sorgenti della Val Chisone.

MALTO: i chicchi d’orzo vengono bagnati e fatti germinare, producendo un malto verde che viene poi fatto essiccare, processo che rende solubile l’amido contenuto nei chicchi. La diversa tostatura dei chicchi produrrà malto chiaro per birre chiare e malto marrone scuro per birre scure.

LUPPOLO: fiore essiccato della pianta femmina del luppolo, erba rampicante (Humulus Lupulus). Foglie e fiori del luppolo, appartenendo alla famiglia delle more, sono caratterizzati da gusto e profumo amari. Oltre a particolari resine che aromatizzano la birra, il luppolo contiene tannino, che serve a purificarla. Il luppolo infine svolge la funzione di conservante naturale.

LIEVITO: enzima che produce un fungo unicellulare della specie Saccharomyces. Viene aggiunto al mosto di malto, prima del processo di fermentazione, allo scopo di trasformare gli zuccheri fermentabili in alcool e anidride carbonica.

Il malto macinato viene mescolato con acqua calda: è in questa fase che l’amido si trasforma in zucchero fermentabile.

La miscela di acqua e malto passa nel tino di filtrazione dove viene purificata e separata dalle trebbie. Il liquido così ottenuto, ossia il mosto di malto, passa nella caldaia dove viene fatto bollire e aromatizzato con il luppolo. Questa è la fase* di lavorazione in cui si ottiene la birra. *(tolto “di lavorazione”)

Il mosto di malto aromatizzato viene raffreddato attraverso uno scambiatore di calore e aerato. Si aggiunge quindi il lievito che dà inizio al processo di fermentazione. Una volta avvenuta la fermentazione, la birra viene sottoposta alla maturazione (lagerizzazione).
Le “Lager”, che utilizzano lievito a fermentazione bassa, vengono immagazzinate per circa un mese.
Le “Ale”, che ovviamente utilizzano un lievito ad alta fermentazione, maturano più velocemente.
A questo punto la birra è pronta per essere confezionata in fusti o bottiglie.